Fotovoltaico Privati - CENTRO SERVIZI GLOBAL CONSULTING : Agenzia di finanziamento Mutui e Prestiti Caserta,Aversa, Sant'Arpino, Caivano, Frattamaggiore,

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fotovoltaico Privati

Mutui

Finanziamento per fotovoltaico (per privati)
Per acquistare pannelli solari fotovoltaici, impianti geotermici, eolici ed altre energie rinnovabili scegli Centro Servizi Global Consulting


Perchè richiedere un prestito per impianto fotovoltaico


Se hai a cuore il rispetto per l’ambiente e desideri produrre ed utilizzare energia pulita, il finanziamento per fotovoltaico di  Centro Servizi Global Consulting è la soluzione giusta per te.

Con il prestito Pannelli Solari potrai installare un impianto solare fotovoltaico e ottenere tanti vantaggi. L’investimento nel tempo ti farà risparmiare sulla bolletta dell’elettricità e beneficerai delle agevolazioni previste dal programma europeo di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte solare mediante impianti fotovoltaici, denominato “Conto Energia".

Il Conto Energia funziona in modo molto semplice: in base alle caratteristiche del tuo impianto (potenza, rendimento, luogo dov’è ubicato, ecc) lo Stato ti riconosce per ben 20 anni un incentivo in termini di energia prodotta. Questo incentivo ti permette di ripagare
totalmente l’investimento iniziale in un periodo di tempo molto più breve, e nel tempo restante di vita dell’impianto non solo risparmierai il costo dell’energia, ma inizierai a guadagnare.


Cos'è il fotovoltaico

La tecnologia fotovoltaica consente di trasformare direttamente la luce solare in energia elettrica senza necessità di meccanismi in movimento. Essa sfrutta il cosiddetto effetto fotovoltaico che è basato sulle proprietà di alcuni materiali semiconduttori (ossia con caratteristiche sia di conduttore elettrico sia di isolante elettrico, come ad esempio il silicio) che sono in grado di generare elettricità quando vengono colpiti da radiazione solare.
Oggi è possibile vendere l'energia prodotta dal sistema fotovoltaico, basta installare sul proprio tetto i moduli fotovoltaici e un inverter per connessione in rete e tutta la produzione di energia verrà pagata da un ente abilitato.
Oltre al pagamento di tutta l'energia prodotta, questa potrà essere consumata dai propri servizi ed avere un ulteriore risparmio in termini economici.

Riepilogando, i vantaggi economici del progetto sono quindi costituiti dalla somma dei benefici economici del Conto Energia e dal risparmio derivante dall'autoproduzone della corrente.




FINANZIAMENTI FOTOVOLTAICI


Usufruisce dei contributi statali, e può essere:

 * Ipotecario o chirografario (con o senza garanzia reale)
 * A tasso fisso o variabile
 * Con addebito in conto corrente e rimborso mensile, trimestrale o semestrale
 * Erogazione in un'unica soluzione o a stato avanzamento lavori



Altre caratteristiche:

* Ipotecario con durata da 2 a 15 anni
 * Chirografario con durata da 2 a 15 anni
 * Pre-ammortamento massimo un anno
 * L'investimento deve essere accessorio rispetto all'attività principale
 


Come richiedere il finanziamento

A seguito dell'entrata in vigore del nuovo D.M. del 19.02.2007 è necessario far pervenire in Agenzia una copia della domanda presentata al gestore della rete locale contenente:

 * Il progetto preliminare dell'impianto fotovoltaico con la scheda tecnica
 * Il preventivo di spesa relativo ai costi da sostenere per la realizzazione dell'impianto
 * L'elenco dei vincoli e delle autorizzazioni del fabbricato interessato alla costruzione
 * La documentazione che provi la data di inizio lavori (D.I.A.)





" SOS fotovoltaico: tutto quello che vorreste sapere ma che non avete mai osato chiedere."

Stai pensando di farti un impianto fotovoltaico sul tetto. Hai trovato un'offerta che ti convince, ma ecco arrivare il classico amico che ti guarda e, con un lungo sospiro, te lo sconsiglia. Del resto, ha proprio l'aria di saperla lunga. A questo punto sei confuso. Non sei più sicuro di niente e non ti fidi  di nessuno.
Qual'è la verità?


Se hai delle obiezioni, e sono frutto di sentito dire, allora fidati di quello che leggi qui.

Mi taglio il pizzetto se riesci a dimostare che ho torto. Se invece ti senti un vero e proprio esperto, prima di confondere le idee considera se le tue convinzioni non si basino su informazioni obsolete, magari valide fino a qualche anno fa. Dal 19 febbraio 2007 il conto energia è tutta un'altra cosa rispetto a quello che conoscevi tu. Il mondo cambia in fretta.

La guida si arricchirà via via di nuove domande e risposte, a mano a mano che esprimerete i dubbi residui.


E se poi finiscono i fondi, chi mi paga gli incentivi di anno in anno?

I fondi non finiscono, semplicemente perchè non ci sono fondi. Gli incentivi statali arrivano da una quota accantonata per legge sulle bollette energetiche degli italiani, espressamente dedicata al fotovoltaico.


Già, ma se lo facessero tutti, i fondi non sarebbero sufficienti per chiunque!

Non lo possono fare tutti, ma solo i primi. Questo perchè esiste un tetto di 1200 MegaWatt di installazioni, oltre il quale non verranno più sottoscritti contratti di incentivazione. Al raggiungimento dei 1200Mw, insomma, il Conto Energia sui nuovi impianti non si potrà più applicare.


E se io firmo un'offerta oggi ma poi, prima che il mio impianto sia finito, si raggiunge la quota dei 1200Mw?....
Tranquillo. Il meccanismo del tetto prevede anche questo. Al raggiungimento dei 1200Mw di installazione, i contratti di incentivazione andranno ancora avanti fino ad un massimo di 1400Mw. Ma nessuno potrà più vendervi impianti che si avvantaggino del Conto Energia.

Allora c'è tempo.?
Mica tanto! Ogni anno che passa, la tariffa di incentivazione che viene riconosciuta per vent'anni viene diminuita del 2%. Questo significa che il reddito da incentivazione, già per gli impianti che entrano in funzione nel 2009, sarà leggermente inferiore. Se poi l'impianto entra in funzione nel 2010, tale reddito sarà inferiore di un altro 2% (il 2% della tariffa in vigore nel 2009) e via di seguito. Meglio farlo il prima possibile.

Come faccio a verificare a quanti MegaWatt di installazioni siamo arrivati ? …

Qui trovate lo stato attuale degli impianti a tutt'oggi incentivati con il nuovo Conto Energia (quello per l'appunto in vigore dal 19 febbraio 2007):http://www.grtn.it/ita/fotovoltaico/AttivitaGSE.asp. Attualmente (ottobre 2008) siamo a circa 80Mw. Guarda il PDF con tutti i dati.


E se poi lo stato si rimangia la parola e smette di riconoscermi gli incentivi ? Vent'anni sono tanti

Lo stato non può rimangiarsi il contratto di incentivazione sottoscritto. Sarebbe come dire che smette di pagare le pensioni. Impossibile! E se per caso qualche ministro dovesse mai proporlo, il TAR vi ridarebbe gli incentivi in quattro e quattr'otto. L'unica possibilità è di finire come l'Argentina. Ma in quel caso concordate con me che i problemi sarebbero ben altri.

Perchè lo stato non finanzia direttamente l'impianto?

Per un semplice motivo. Lo scopo è quello di raggiungere il target imposto dallacomunità europea, e cioè i famosi 1200Mw di installazioni entro il 2012.
Ma non basta! Di impianti spenti o malfunzionanti nessuno se ne fa niente: l'obiettivo non è gonfiare il fatturato delle aziende, ma risolvere il problema energetico minimizzando l'impatto sull'ambiente. Quindi è necessario avere1200MW di impianti funzionanti! Attivi. Che producono energia. Se lo stato finanziasse l'impianto con una cifra iniziale, tu potresti anche tenerlo spento. Invece lo stato incentiva l'energia prodotta, mese per mese, in maniera tale che se smetti di produrla, perdi gli incentivi.


Si, però se l'impianto si rompe e sta fermo due mesi, io perdo due mesi di incentivi!

No. Le aziende serie includono nell'offerta un contratto di assicurazione con una società assicurativa di tutto rilievo, il quale garantisce anche dal fermo impianto. Come? Attraverso il risarcimento dei danni subiti, tra cui in primis gliincentivi persi a causa della mancata produzione dell'energia.
Quindi, se un topo vi mangia un cavo, non preoccupatevi. Ma fate il contratto giusto.


E se grandina forte?

Hai mai preso a calci un pannello di silicio? Ecco: non farlo, se non vuoi farti male sul serio. La grandine non è un problema. In ogni caso l'assicurazione copre anche gli eventi atmosferici. Compresi i meteoriti.


D'accordo. L'offerta sta in piedi se lo stato mi riconoscerà un contratto dove mi darà, per esempio, 49 centesimi per ogni Kwh prodotto. E se io firmo l'offerta, ma poi lo stato non mi garantisce quella cifra? Mettiamo che mi riconosce 46 centesimi, la tariffa inferiore. Sono fregato!

Sì, sei fregato, ma solo se non hai sottoscritto il contratto giusto. Quando un impianto è terminato, il tuo installatore (o tu, se non ti sei affidato ad un'azienda forte) si reca al GSE (Gestore Servizi Elettrici) e fa domanda di incentivazione, presentando le caratteristiche dell'impianto in base alle quali richiede una certa tariffa.
Se l'impianto non è realizzato a regola d'arte, il GSE può non riconoscere quella tariffa. Per esempio: se facciamo richiesta di incentivazione per un impiantoparzialmente integrato, e poi i pannelli non sono installati in maniera perfettamente complanare al tetto, il GSE può riconoscere la tariffa per un impianto non integrato. Che è ovviamente inferiore. Questo dipende dalla perizia del vostro installatore.
Ci sono alcune - poche - aziende, però, che sono talmente forti sia a livello economico che in quanto a professionalità, che possono permettersi digarantirvi che il GSE vi riconoscerà la tariffa prevista dal contratto che avete stipulato con loro. In caso contrario, metteranno di tasca loro la differenza. Alcune - pochissime, forse una - garantiscono addirittura mediante fidejussione bancaria.Soldi liquidi da incassare subito, senza se e senza ma
.


Sì, ma qui parliamo di vent'anni. Mi hanno detto che i pannelli però durano molto meno. Dopo qualche anno non producono più niente.

Falso! Talmente falso che ci sono alcuni produttori di pannelli fotovoltaici che garantiscono i loro prodotti addirittura per 25 anni dalla data di installazione. Cosa significa? Significa che se i pannelli hanno un calo nella resa di conversionesuperiore al 10% nei primi 10 anni, i pannelli vengono sostituiti gratuitamente. Lo stesso accade se i pannelli hanno un calo superiore al 20% entro i primi 25 anni. Un leggero calo è fisiologico, ma è contenuto entro questi limiti, e il calcolo sulla resa finanziaria ne tiene assolutamente conto.
Ma se i pannelli hanno un calo fisiologico nel tempo, allora gli incentivi diminuiranno di anno in anno.


Sì. E allora?

L'importante è che questo calo della resa, così come è limitato dal contratto di garanzia, sia previsto nel piano economico accluso all'offerta che avete ricevuto. Se il calo di resa è previsto e calcolato nel peggiore dei casi - cioè se si stima una resa dell'80% in 25 anni -, allora potete essere sicuri che avrete in ogni caso un piano più che attendibile. Addirittura per difetto, nel senso che se siete sfigatissimi e i pannelli perdono ben il 20% in 25 anni, il piano economico sta comunque in piedi. E se perdono più del 20% vengono sostituiti. Quindi andatetranquilli!


Ma la banca si ciucca troppi interessi, così non è conveniente!
……………………………………..

Non dovete vederla in questa luce. Vedetela piuttosto così. Quanto ricevete un'offerta, se vi siete affidati ad un'azienda seria avrete anche un piano finanziario accluso, con la possibilità di sfruttare una convenzione bancaria, che le migliori aziende riescono a stringere con gli istituti di credito.
In questo piano finanziario vengono evidenziati tutti i ricavi che il vostro impianto fotovoltaico genererà anno per anno - incentivi + energia risparmiata - e tutti icosti - rata del mutuo o del prestito + manutenzione + assicurazione.
Il piano evidenzierà come sin dal primo anno potrete avere un piccolo attivo, o un piccolo passivo a seconda della latitudine e di altre variabili del caso. L'attivo è giàal netto di tutti i costi, ovvero prestito/mutuo/assicurazione/manutenzione compresa, quindi rappresenta il bilancio finale. Guardando l'evoluzione del piano negli anni, vi accorgerete che a un certo punto questo attivo diventerà molto più grande, e questo perchè avrete finito di pagare l'impianto, ma gli incentivicontinueranno ad arrivare fino al ventesimo anno.
Il ricavo totale è sempre più che vantaggioso nel tempo, indipendentementedagli interessi che sono stati applicati con la convenzione bancaria sottoscritta.


Se investo in borsa o in qualche titolo la resa è migliore.
…………………………………………….

Grazie per la domanda, perchè mi da modo di evidenziare un atteggiamento mentale molto diffuso in Italia. Questo è molto importante: leggete con attenzione!
Supponiamo che siate sensibili all'ambiente. Volete costruire un impianto fotovoltaico per dare una mano a ridurre le emissioni di anidride carbonica. L'impianto però è molto costoso, eccessivamente costoso. Non ce la fate da soli.
Ecco che lo stato interviene e dice: «bene, se tieni l'impianto acceso e funzionante, io ti regalo una somma proporzionale all'energia che produci, che ti basta per rendere l'impianto redditizio.»
A questo punto voi fate due conti e comprendete che non solo potete finalmente costruire l'impianto in maniera che il bilancio totale sia a costo zero per voi, ma che potete addirittura guadagnarci, poco o tanto che sia, considerando anche l'energia che risparmierete.
Morale: il motivo che deve spingervi a realizzare un impianto fotovoltaico non deve essere nè farsi bello con gli amici, nè essere trendy, e tantomeno realizzare ilmiglior investimento possibile in un'ottica speculativa.
Voi dovete realizzare un impianto perchè siete persone sensibili alle condizioni in cui versa il mondo in cui vivete, e volete fare qualcosa per voi stessi, per gli altri e per i vostri figli. Se ragionate così, il semplice fatto che possiate realizzarlo ad uncosto ridicolo sarà sufficiente per farlo subito. Figuriamoci se poi ci potete ancheguadagnare su!
In Germania sono avanti anni luce, con un tetto su quattro in fotovoltaico - in continua crescita - proprio perchè ragionano in questa maniera.
Andiamo! Un italiano può essere meno sensibile di un tedesco??


Ma chi è che mi paga questi incentivi? E quando me li danno?

Gli incentivi te li paga direttamente lo stato, mediante il suo braccio armato: il GSE - Gestore Servizi Elettrici. 
Dal momento in cui l'impianto è terminato ed è in funzione si può fare la richiesta di incentivazione. Il GSE entro 60 giorni vi fa firmare il contratto di incentivazione, e da quel momento iniziate a ricevere gli accrediti calcolati sull'energia prodotta. Li potete ricevere mensilmente o con altra periodicità, dipende da voi. Arrivano direttamente sul conto in banca che avrete indicato nel contratto. Dal momento in cui iniziano ad arrivarvi gli incentivi, vi saldano anche gliarretrati, ovvero gli incentivi che avete maturato dal giorno in cui avete acceso l'impianto fino al giorno in cui avete firmato il contratto di incentivazione.


La corrente la vendo? E a chi la vendo?

Ci sono due modalità di funzionamento per gli impianti fotovoltaici. Possono essere sottoscritte entrambe, a scelta, da chi realizza un impianto entro i 20KwP di potenza. La prima si chiama scambio sul posto. La secondo vendita diretta.
Con lo scambio sul posto, voi non vendete la corrente. La corrente che producete passa attraverso un apposito contatore, e poi finisce nella rete pubblica. Il vostro vecchio contatore, peraltro, continua a segnare la corrente che voi consumate, e che proviene dalla rete. Ogni bimestre si fa un bilancio tra l'energia prodotta e quella consumata, e voi pagate solamente la differenza, se c'è. Se invece avete prodotto più corrente di quella che avete consumato, la differenza vi viene accumulata - diciamo così - e scalata dalle future bollette entro un massimo di 3 anni. Poi la perdete. E' per questo che gli impianti costruiti avendo in mente lo scambio sul posto, devono essere dimensionati in maniera da produrre un po' meno energia di quella che vi serve, in maniera da non avere mai un credito energetico eccessivo, che non riuscireste a consumare nell'arco di tre anni.
Se siete clienti residenziali, lasciate perdere la modalità di vendita dell'energia, perchè non fa per voi. Ve la pagherebbero la metà, e in più non potreste neppure scaricare l'IVA, oltre che essere costretti ad aprire posizioni burocratiche particolari. Date retta a me. Andate in scambio sul posto.


Ma allora la corrente che produco, se va in rete, non è la stessa che consumo?

No, infatti. La corrente va sempre e comunque tutta nella rete pubblica. Voi continuate ad avere lo stesso vecchio contatore, quello che segna l'energia che consumate dalla rete. Si tratta meramente di un fatto contabile. L'energia che il vostro tetto produce non va direttamente nel televisore!

Ma se lo stato mi paga l'energia con una certa tariffa (gli incentivi), io poi come faccio a venderla?

Stai facendo confusione! Gli incentivi statali sono, per l'appunto, INCENTIVI. Significa che lo stato ti riconosce un regalino per ogni KwH prodotto. Non ti sta comprando l'energia, ti sta solo ricompensando per la tua buona volontà. L'energia che hai prodotto, e che lo stato ti ha "incentivato", resta a tua disposizione per qualsiasi uso tu ne voglia fare.
Gli usi possibili sono per l'appunto due: scambio sul posto e vendita diretta. Per impianti FINO A 20KwP di potenza, puoi scegliere tu. Oltre i 20KwP puoi solo vendere l'energia in eccesso.


Ma se la vendo, allora non la posso consumare? Cosa si intende per autoconsumo?

Andiamo con ordine. L'impianto sul tuo tetto produce, diciamo, 1200KwHall'anno. Supponiamo che la tua abitazione abbia un fabbisogno di 800KwHall'anno. Come dicevamo, quando attivi il tuo impianto puoi scegliere cosa fare della tua energia, cioè andare in scambio sul posto o in vendita. IN ENTRAMBI I CASI puoi andare in AUTOCONSUMO. "Autoconsumo" significa che la corrente che produci verrà utilizzata per pareggiare i bilanci con i consumi fatturati per la tua abitazione. Potrai poi decidere cosa fare della tua produzione energetica in eccesso, se mai ce ne fosse, quella cioè che avanza. 
Nel nostro esempio, i primi 800Kwh prodotti dal tuo impianto, serviranno a pareggiare i consumi fatturati sulla tua bolletta energetica, e gli altri 400KwHpotranno essere o accumulati per un utilizzo posteriore, sempre entro 3 anni -scambio sul posto - oppure venduti a poco più di 9 centesimi al KwH.


Posso scegliere io se vendere oppure accumulare l'energia in eccesso?

Sì, ma solo in fase di contrattualizzazione, cioè all'inizio. Una volta che hai avuto accesso al meccanismo di incentivazione non puoi più cambiare.
Inoltre, se hai un impianto con potenza pari o superiore a 20KwP, puoi solo vendere l'energia prodotta in eccesso.


Ma insomma, questa energia in eccesso rispetto a quella che produco, mi conviene venderla o accumularla ?      

Se sei un privato (no partita iva) non ci sono dubbi: molto meglio andare inscambio sul posto. Perchè? Semplicissimo: facendo una media - riferendosi ai prezzi per kwH di prima metà 2008 - tra i costi variabili e i costi fissi, paghi l'energia che consumi - quella che prelevi usualmente dalla rete - a circa 19€c (centesimi di euro) al Kwh. Quindi se l'impianto sul tuo tetto producesse 3600KwH all'anno, tu -incentivi statali esclusi - avresti un capitale di 3600 x 0,19 = 684€ all'anno sul tuo tetto. Se lo usi per pareggiare i costi del tuo fabbisogno energetico - i KwH fatturati in bolletta, la tua produzione ti vale esattamente 684€. Se invece vendi l'energia, ogni KwH ti viene pagato poco più di 9 centesimi. Meno della metà. Sarebbe come avere un campo di pomodori che valgono 1 euro l'uno, e trovarsi a venderli a 50 centesimi. Senza considerare che l'IVA non la scarichi.
Invece per le aziende è diverso, perchè pagano la corrente molto meno, e quindi per loro non c'è molta differenza tra consumarsi l'energia prodotta oppure venderla.
Unica cosa cui fare attenzione, quando si va in scambio sul posto: dimensionare l'impianto in maniera che abbia una produzione energetica lievemente inferiore al vostro fabbisogno. In questo modo non vi capiterà mai di accumularne una quantità tale da non riuscire più a riconsumarvela nell'arco di tre anni. Infatti, ricordate che se ne producete in più non potete venderla, ma solo accumularla.

 
Ma se voglio andare in scambio sul posto per accumulare l'energia in eccesso, devo installare degli accumulatori ?

Assolutamente no! L'accumulo è solo virtuale, cioè contabile. Ci sono infatti due contatori: uno è quello che avete sempre avuto e che misura l'energia che prelevate dalla rete. Uno è quello che misura l'energia che il vostro impianto produce, e che immettete in rete. Il vostro fornitore di energia farà semplicementeun bilancio tra i due contatori. Ricordatevi quindi che l'energia che producete va sempre tutta quanta in rete, per essere disponibile a tutti, su tutto il territorio.


E se c'è un blackout? Producendomi da solo l'energia, immagino di esserne esente.

Purtroppo non è così. Il motivo è semplice. Come abbiamo detto prima, l'energiache producete va sempre direttamente in rete. Esiste una regolamentazione che prevede che, in caso di blackout, il vostro impianto fotovoltaico si disconnetta dalla rete. Per quale motivo? Semplice: quando in rete non c'è tensione, si presuppone che ci sia un guasto. Di conseguenza ci sarà qualche operatore che va a riparare il guasto, chiave inglese alla mano, con la matematica certezza che la corrente in quel preciso momento non attraversa le apparecchiature in alta tensione, e seguendo i procedimenti di sicurezza standard. Se il vostro impianto fotovoltaico immettesse energia in rete, il povero operaio andrebbe ad alimentare le morti bianche, e questo non è carino. Quindi l'impianto fotovoltaico in caso di blackout sulla rete si disconnette in maniera automatica.
Si può, eventualmente, realizzare un particolare circuito che si stacca dalla rete ed eroga l'energia direttamente in ambito domestico, ma implica oneri e costi aggiuntivi. Se non è proprio necessario, non vivendo condizioni di blackout frequente, non ha molto senso.


Che pannelli mi installeranno ? Voglio avere il meglio del meglio.

Questo è un falso problema. Ci possono essere oggettive difficoltà nel garantire una certa marca e modello di pannelli piuttosto che un'altra. Il motivo è che per lungo tempo c'è stata scarsità nell'offerta: le code di produzione non erano sufficienti a garantire la domanda. Questo fa sì che se ricevete un'offerta - un preventivo - oggi, che indica una certa marca/modello di pannello, quando vi decidete a firmare il preventivo non è detto che quel particolare pannello sia ancora disponibile.
Non è necessario il pannello migliore in assoluto: quello che vi serve davvero è ilpannello giusto!
Qual'è il pannello giusto? E' il pannello che per resa, dimensioni e caratteristichepuò adattarsi bene al vostro tetto e garantirvi la resa economica prevista dal contratto, in termini di produzione energetica. Se il contratto prevede che il vostro impianto generi 1200KwH all'anno, l'importante è che abbiate pannelli che producono 1200KwH all'anno, e garantiti per 25 anni.
Cosa volete di più dalla vita?
Volete per forza l'ultimo modello di pannello, dalle performance leggermente migliori? Bene: potreste ritrovarvi con un piano finanziario dalla resa economica inferiore perchè l'impianto costa di più, e perchè la corrente in eccesso non vi serve. Quindi lasciate perdere queste fisime sul pannello migliore.
Concentratevi invece sulle garanzie espresse nel contratto.


Quanto anticipo devo versare ?
Anche lo 0%, dipende dall'azienda a cui chiedete un preventivo.

E quando devo cominciare a pagare ?

Se chiudi il contratto con un'azienda che lo prevede, inizi a pagare solo dopoche l'impianto è stato costruito ed è entrato correttamente in funzione, quando cioè il GSE inizia a mandarti gli incentivi e l'impianto produce corrente che ti evita di doverla comprare.
Per questo si dice che inizi a guadagnare da subito.


E se ho un tetto con l'amianto da smaltire ?

Meglio ancora! Se hai un tetto in eternit e lo vuoi sostituire, sai che devi andare incontro a costi puri, che comprendono gli oneri di smaltimento e ilrifacimento del tetto. Sono soldi che spendi e per i quali non hai alcunacontropartita.
Bene: se realizzi un impianto fotovoltaico al posto di un tetto in eternit, smaltendo l'amianto, lo stato ti premia riconoscendoti un addizionale 5% sulle tariffe di incentivazione ventennali.

Quindi: ti rivolgi ad un'azienda seria, fai fare un preventivo che comprenda la rimozione del tetto, lo smaltimento dell'amianto e la costruzione di un tetto nuovo con un impianto fotovoltaico integrato, e vedrai che nel tempo il tuo impianto non solo ti ripagherà tutti i costi della sostituzione del tetto, ma ti farà anche guadagnare.
Più di così.
..


Se è così conveniente, perchè non lo fanno le banche ? Io posso affittare il tetto.

Gli istituti di credito si occupano di finanziare e spesso di acquistare gli impianti grossi, dove hanno ritorni da centinaia di migliaia di euro. Sono impianti per i quali acquistano direttamente il terreno e costruiscono exnovo un impianto da diversi MegaWatt di potenza.
Nessuno costruisce un impianto sul tuo tetto, per il semplice motivo che la garanzia dell'investimento si ha con la certezza che l'impianto resterà al suo posto almeno per i vent'anni dell'incentivazione statale.
Cosa succederebbe infatti se tu decidessi di vendere la casa un anno dopo la costruzione dell'impianto? Il nuovo proprietario non sarebbe obbligato a mantenerlo, o magari potrebbe voler ristrutturare la mansarda, aggiungere un piano.. Insomma, dove non c'è garanzia - ovvero la proprietà dell'immobile - nessuno investe soldi suoi.
La garanzia la puoi mettere solo tu, costruendo il tuo impianto sul tetto di casa tua, e firmando un contratto di incentivazione statale a tuo nome.


Abito in un condominio. Possiamo costruire un impianto comune sul tetto ?

Certamente. Tieni presente tre cose però.
1. Tutti i condomini devono essere d'accordo, o perlomeno la maggioranza, e non è un affare semplice. Se hai frequentato qualche riunione di condominio in vita tua saprai esattamente a cosa mi riferisco.
2. L'impianto servirà ad alimentare le parti comuni: luci sulle scale, garage e giardini, ascensori, pompe dell'acqua e via dicendo. Dovete fare il conto di quanto spendete di energia annualmente per le sole parti comuni e dimensionare l'impianto su quello. Il motivo è che differenziare il consumo di corrente nei singoli appartamenti è una follia burocratica. Implica conteggi e divisioni infiniti per le quali il vostro amministratore vi maledirebbe a vita. Inoltre, spesso non ci sarebbe abbastanza spazio sul tetto per un'operazione del genere. Abbattere le spese comuni è già un obiettivo estremamente significativo!
3. Non tutti gli Istituti di Credito finanziano i condomini. Il motivo è che se poi il condominio non paga, non sanno a chi rivolgersi per esigere quanto dovuto. Un condomino potrebbe infatti vendere il suo appartamento ad un altro, e così via... Attualmente sono a conoscenza di una sola linea di credito che finanzia i condomini, per un importo massimo di 70.000€, congaranzie chirografare. Ovviamente resta sempre in piedi, per tutti, la possibilità di pagare l'impianto di tasca propria, evitando tra l'altro tutti gli interessi del caso.

 
Qual'è l'orientamento migliore per il tetto ?

L'orientamento dipende dalla latitudine. Alle nostre latitudini - italiane - l'orientamento migliore è SUD, con un inclinazione del tetto di 30°.
In ogni caso va bene qualsiasi esposizione tra sud-ovest e sud-est, basta che non sia a nord oppure sull'asse est-ovest.


Cosa succede se il mio tetto ha un'esposizione sull'asse est-ovest ?

Succede che l'irraggiamento, ovvero la quantità di energia solare che cade sul tetto, si riduce di un 20-30%. Il che di per sè non significa niente, se non che una produzione di energia inferiore del 20-30% significa anche che si prendono fino a un terzo di soldi in meno dallo stato. Il che in alcuni casi rende l'impiantoantieconomico. Se poi a uno non interessa, perchè il suo scopo è fare qualcosa di buono, allora può tranquillamente realizzare un impianto fotovoltaico anche sul suo tetto.


Come si fa a capire quanto sole cade sul mio tetto in un anno ?

L'Enea ha compiuto studi dettagliati, producendo mappe che riportano i valori medi mensili della radiazione solare giornaliera per oltre 2000 comuni italiani, stimati a partire dalle immagini satellitari di copertura nuvolosa per diversi anni fino al 1999.
Dunque se in un preventivo si stimano 1200KwH di energia prodotta all'anno, questo valore potrà oscillare di anno in anno, ma in media si può essere sicuri che resterà quello.


Ho una baita in montagna, lontana dalle linee elettriche. Posso avvantaggiarmi del Conto Energia costruendovi un impianto fotovoltaico ?

Puoi senza ombra di dubbio costruire un impianto fotovoltaico e avere la tua fonte di energia autonoma, magari accludendo un accumulatore per la notte, ma non puoi avvalerti del Conto Energia. Il Conto Energia vale solo per gli impianti Grid Connected, cioè connessi alla rete, perchè lo scopo è quello di distribuire energia pulita sul territorio a vantaggio di tutti. Un impianto come il tuo si chiama viceversa Standalone - stand + alone: solo -, cioè disconnesso dalla rete. Non essendo utile a nessuno se non a te, lo stato non te lo incentiva.



Se, dopo avere letto attentamente le faq, avete altri dubbi, e so che ne avrete, aggiungeteli nei commenti. Vedremo di ampliare il prontuario via via che vi scatenerete con la vostra fervidissima immaginazione.
Se avete bisogno di un preventivo ma volete essere sicuri di rivolgervi ad un'azienda seria, che garantisca tutte le caratteristiche di qualità e sicurezza che vi ho indicato.


Vedi anche fotovoltaico per Imprese

TORNA ALLA HOME PAGE

COMPILA I CAMPI SOTTOSTANTI SARAI CONTATTATO AL PIU' PRESTO

Torna ai contenuti | Torna al menu